Steam Reformer SK Takreef - Ruwais (Abu Dhabi)

ITT Spa

 

Perchè ITT Spa ha scelto TEKLA STRUCTURES

ITT Spa ha scelto di utilizzare Tekla a partire dal 2010. A fronte della ridotta durata dell’esperienza Tekla, i vantaggi sono stati immediati e tangibili: assenza di errori nei collegamenti meccanici, assenza di interferenze tra elementi, preventivazione e rendicontazione scrupolosa dei materiali utilizzati; interfacciamento ed integrazione delle sub forniture. Tekla ha convinto fin dalla sua presentazione tutti i soggetti e dipartimenti coinvolti: dall’ingegneria alla gestione commesse; dalla strumentazione alle opere civili. Il software viene utilizzato dal momento zero del progetto e diventa l’unica e sola fonte di informazioni necessaria allo sviluppo dell’intero progetto. P1000003Alla prima esperienza, i tempi di realizzazione sono stati paragonabili a quelli ottenuti con i metodi 2D; già a partire dalla realizzazione del secondo impianto il risparmi o di tempo è stato quantificabile nell’ordine del 40%, gli impianti a venire avranno risparmi ancora maggiori grazie all’accumulo di esperienza e di fasi-master. I progetti finora svolti devono considerarsi come successi completi sia per ITT che per i committenti. Tekla è stato un partner straordinario poiché ha ridotto i tempi di analisi, reso più efficaci le comunicazioni, annullato i tempi di re-work.

 

 

Steam Reformer SK Takreef-Ruwais (Abu Dhabi)

Il progetto, vincitore del Tekla Model Competition 2011, per la realizzazione di un impianto di Steam Reformer ad Abu Dhabi, è stato assegnato ad ITT nel luglio 2010 con scadenza di consegna prevista entro 20 mesi. La progettazione è stata condivisa tra uffici Italiani e Spagnoli nei primi 10 mesi a disposizione. Dopo soli quattro mesi ITT ha inziaito ad inviare i primi disegni costruttivi delle strutture alle officine di costruzione concludendo l‘attività entro il 10° mese. La consegna si è concretizzata con l‘emissione di circa 17000 spool drawings a copertura delle 1800 tonnelate di struttura complessiva connessa tramite 120000 bulloni.

L’impianto è stato progettato con pannelli prefabbricati, moduli completi pronti al montaggio e altre parti sciolte, ciò ha consentito l‘ottimizzazione della prefebbricazione e delle sequenze di montaggio attarverso più di 400 fasi pianificate. La prefabbrizazione è stata realizzata in Corea del Sud ragion per cui la progettazione delle opere strutturali prevedeva proprio l‘utilizzo dei profili in acciaio tradizionalmente disponibili in quel paese. Lo sviluppo del modello ha tenuto conto di tutti i materiali refrattari necessari per isolare la struttura dagli oltre 1000°C di temperatura operativa interna. La volumetria dei materiali refrattari è stata utilizzata come termine di controllo per la fornitura relativa. La superficie sulla quale si estende l’impianto ha dimensioni di circa 130mx60m che corrisponde al 20-30% in più rispetto ad un tradizionale campo da calcio. Il modello è stato predisposto con estrema accuratezza tanto da includere anche piccoli piatti di rinforzo del peso di pochi grammi e dalle dimensioni dell’ordine di pochi centimetri quadrati. Il modello BIM 3D, nel suo complesso, è risultato molto utile a tutti i consulenti esterni (Italia, Spagna, UK, Danimarca, germania, USA, Olanda e Korea) cui erano riservate progettazioni secondarie perchè ha consentito loro di poter itegrare delle opere di loro competenza nell‘ambito dell‘intera struttura con sotto modelli di riferimento opportunamenti impostati. Lo scambio di informazioni tra i diversi progettisti è sempre rimasto sul piano della modellazione 3D e soltanto al termine della fase di progettazione si è proceduto ad inoltrare disegni al committente. Ruwais___daytimeITT stessa ha potuto concentrato le verifiche e i controlli sulla modellazione virtuale 3D senza dover lavorare sui disegni bidimensionali. Il controllo delle interferenze è risultato quindi più immediato, più semplice e portato a termine con un elevatissimo livello qualitativo. Anche i controlli sulla montabilità dei sotto assemblaggi ha potuto trarre profitto dalla modellazione complessiva 3D. Per ragioni di convenienza gestionale il modello è stato implementato anche con alcune linee piping anche questo lavoro non faceva parte delle specifiche contrattuali con la committenza. Per poter studiare le interferenze si è proceduto alla definizione del percorso di molte linea piping direttamente con elementi Tekla Structures se pur progettandole in una fase dedicata. La modellazione è risultata utilile per l‘esport nel software scelto per la progettazione completa degli impianti. Terminata la fase di sviluppo del processo, le progettazioni tridimensionali impiantistiche sono state reimportate in Tekla Structures assicurando così un ciclo progettuale completo e preciso nel progetto delle travi di supporto alle linee piping. Successivamente alla definizione dell’ingegneria si sono rese necessarie alcune modifiche richieste dal committente in corso d’opera. Tra queste segnaliamo l’aggiunta di un sistema di alimentazione dei bruciatori parallelo all’originale e l’inserimento di circa 50 telecamere a raggi infrarossi per il controllo della stabilità dei bruciatori stessi. Tutti gli studi e le verifiche per l’inclusione di queste progettazioni supplementari sono state effettuate direttamente sul modello. In ambiente 3D la soluzione del problema si è rivelata veloce, chiara ed esaustiva. Tutte le figure coinvolte nel processo decisionale (committente, ITT, fornitori) hanno potuto completare queste delicate e complesse variazioni in corso d‘opera senza ostacoli e con estrema precisione. Il manuale di montaggio è stato realizzato in formato “slideshow” progressivo. La comprensione da parte della ditta di montaggio è stata completa, efficace e immediata. I conteggi ottenuti attraverso i report hanno consentito di risolvere in poco tempo le controversie usuali sulle effettive quantità di materiale installato che accompagnano ogni progetto. Allo stesso tempo gli alcuni report hanno permesso la definizione completa ed accurata delle metodologie e dei mezzi necessari alla definizione del contratto dei trasporti che il committente ha dovuto emettere nei confronti di ditte specializzate.

Per la realizzazione della struttura sono stati prodotti circa 17.000 normalini per un totale di circa 1.800 tonnellate di acciaio da costruzione e circa 120.000 bulloni.

Case Study di

Trimble-Tekla2016-pos-RGB

 

Tekla e trimble

Tekla è stata fondata nel 1966 e ha clienti in oltre 100 paesi al mondo. Ha uffici in 15 paesi, e può contare su una rete globale di partner affidabile e competente. Nel 2011 Tekla è entrata a far parte del gruppo Trimble.

Tekla BIMsight

Tekla BIMsight è un software professionale disponibile gratuito come Strumento per la collaborazione nei progetti del settore delle costruzioni. Attraverso potenti ambienti user-friendly 3D permette di collegare più modelli tra loro e di risolvere le interferenze tra di essi. Con Tekla BIMsight in uso, molti problemi vengono risolti e superati già durante la fase iniziali della progettazione coinvolgendo anticipatamente e facilmente tutti i partecipanti al progetto costruttivo e realizzativo.

Cliente: ITT Spa

ITT SpA è una società italiana leader nella progettazione, produzione e installazione di reformers e Forni per le industrie di petrolio, gas e petrolchimico. ITT SpA è stata costituita come società indipendente per sviluppare nuovo business sui mercati internazionali, a seguito di riorganizzazione e scissione delle attività Kirchner Italia nel 1997. Operano principalmente a Milano, Roma, Delhi e Seul, ma possiedono una rete mondiale di agenti e rappresentanti. ITT SpA ha la capacità di progettazione termica e meccanica per Forni e la loro in-house software frutto di anni di esperienza e FiftyFive affidabile know-how. ITT SpA costruttore e produttore di reformers fornisce servizio di consulenza su progetti a terzi (HALDOR TOPSØE, UOP, KBR, PROCESSO DAVY, ecc…).